Ronco Scrivia, dove la terra sogna il mare

“A Ronco cominciano i monti genovesi, pietre gialle, fiumi verdi azzurro, molto pittoresco. Bel sole e cielo limpidissimo…”.

(Hermann Hesse, Dall’Italia e racconti italiani, 1901)

Vecchie stazioni di montagna a nord di Genova.

Gli Appennini che nascondono la riviera di levante.

Un campanile che suona rintocchi lontani, remoti; indietro nel tempo è facile andare. Le gallerie si susseguono, una dopo l’altra, come un labirintico percorso interiore. Il treno procede, sempre più vicino alla città vecchia.

Ronco_panorama_montereale.jpg

 

I ruscelli sotto i ponti scorrono, sonnolenti, un vecchio vestito da antico marinaio sperduto con la sciarpa  rossa, la maglia a righe, porta a passeggio un cane. Guarda il treno, il treno guarda lui, gli ricorda tutti quei chilometri fatti da giovane per portarlo lontano, lontano dal paese, a inseguire una vita al di là del tramonto giallognolo, oltre le valli, oltre il sommesso fruscìo delle foglie, oltre gli scuri divelti delle finestre, oltre i rattoppi delle strade conosciute.

Il verde qui imperversa ancora sulla civiltà, la statica rassegnazione contadina non si stanca del susseguirsi delle stagioni della potatura e della mietitura.

ronco-scrivia

“Centro nodale delle vie di comunicazione dell’Italia settentrionale durante l’ultimo conflitto mondiale, Ronco Scrivia fu sottoposta a violenti bombardamenti che causarono la morte di molti civili e la distruzione della totalità delle proprie abitazioni. Contribuì alla guerra di liberazione ospitando distaccamenti partigiani cui parteciparono numerosi suoi giovani concittadini”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...