La migliore offerta

“I sentimenti umani sono come le opere d’arte, si possono simulare”.

 

È pratica comune dell’uomo simulare un’emozione, non è poi così difficile. Magari non per molto, magari non sempre, ma l’inganno e la menzogna possono essere così facilmente dietro l’angolo. Giuseppe Tornatore ce lo dice a chiare lettere accompagnandoci per mano nel mondo di Virgil Oldman, sessantenne mercante e collezionista d’arte un po’ misantropo.

Il mondo di mister Virgil è un mondo di perfezione, di ordine e di solitudine. Niente donne, per lui, niente amore, niente distrazioni. Il bicchiere di cristallo siglato, la collezione di guanti per non toccare le altre persone, e soprattutto i loro sentimenti. Forse per qualcuno è sempre meglio mantenersi a distanza, non raccontare mai troppo di sé, anche se le parole – quando ci sono – sono precise, misurate e puntuali. Ma poi quando incontri qualcuno come te, con le tue stesse paure, anzi peggiori, ti guardi dall’esterno e capisci che è giunto il momento di cambiare. Claire, 27 anni e affetta da agorafobia, commissiona a Virgil la valutazione del patrimonio artistico della casa dove vive, o meglio, si nasconde. Qui capiamo che Tornatore con questo film ci regala qualcosa di più che un mero omaggio al mondo dell’arte, con una scenografia sontuosa e a tratti di ispirazione gotico-romantica, giusta cornice per una donna misteriosa e chiave di volta della storia, sostenuta da un ancora ammirevole Ennio Morricone. La casa di Claire è senza dubbio la co-protagonista del film, e simbolicamente corredata di tutto il nécessaire: l’alto cancello di ferro battuto, la mobilia impolverata, i passaggi segreti, un giardino incolto, la pioggia battente e la notte al momento opportuno. Altro personaggio secondario ma metaforicamente con un ruolo-chiave, è l’automa ricostruito pezzo per pezzo con frammenti ritrovati nella villa, di un geniale inventore del ‘700, Jacques de Vaucanson (cos’è questo se non un raffinato omaggio allo steampunk?). E così come il robot, solo pezzo per pezzo lo spettatore insieme allo stesso Virgil riesce a comprendere il complesso meccanismo narrativo, che sicuramente una cosa la riesce a dimostrare: “in ogni falso vi è sempre qualcosa di autentico”.

Annunci

Un pensiero su “La migliore offerta

  1. Non ho ancora visto il film, ma il solo trailer mi ha molto interessato. Tornatore ha una regia compassata, classica e sofisticata. Mi dicono che la sceneggiatura è molto strutturata, colonna portante dell’intera opera.

Rispondi a mario Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...